Corso LIS

La Sezione Provinciale ENS di Rimini ha aperto le iscrizioni ai corsi LIS (Lingua dei Segni Italiana) per l'anno 2018/2019 che si terrà nel mese di Settembre 2018 presso la sede SP ENS di Rimini, in Via Covignano, 238 (4° piano) a Rimini (RN).

CHE COSA è LA LIS?
Non è una forma abbreviata di italiano, una mimica, un qualche codice morse o braille, un semplice alfabeto manuale o supporto all'espressione della lingua parlata, ma una lingua con proprie regole grammaticali, sintattiche, morfologiche e lessicali. Si è evoluta naturalmente conosciute, che utilizza sia componenti manuali (es. la configurazione, la posizione, il movimento delle mani) che non-manuali, quali l'espressione facciale, postura, ecc. Ha meccanismi di dinamica evolutiva e di variazione nello spazio variazione nello spazio, e rappresenta un importante strumento di trasmissione culturale. E' una lingua che viaggia sul canale visivo-gestuale, integro nelle persone sorde, e ciò consente loro pari opportunità di accesso alla comunicazione.

CORSO LIS
LIVELLO 
GIORNI DI LEZIONE
ORARIO (indicativo) 
INIZIO LEZIONI  N. PARTECIPANTI 
 1°  MERCOLEDI'
dalle ore 18 alle 21-21:30
 SETTEMBRE 2018  24
massimo
 3°  VENERDI'
dalle ore 17:30-18 alle 21-21:30
 SETTEMBRE 2018  11
disponibili
SCADENZA ISCRIZIONI: 04 LUGLIO 2018
INFORMAZIONI E/O MODULI ISCRIZIONE:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - fax 0541/29063 - whatsapp/telegram 375/5063807

 

La SP ENS di Rimini

Documento in formato PDF da scaricare: pdfLOCANDINA_corsi_LIS_2018-2019.pdf

Corso LIS

Sono ufficialmente aperte le iscrizioni per il Corso di Formazione della LINGUA DEI SEGNI ITALIANA – LIS (in fondo pagina: allegato locandina in formato PDF)

Domenica 26 settembre 2021 è stata una giornata davvero speciale per la Sezione Provinciale ENS di Rimini e per tutta la comunità sorda del territorio. 

Durante la mattina, infatti, si è festeggiato i 50 anni del tesseramento di fedeltà della sezione romagnola e sono stati consegnati gli attestati e le medaglie ai soci che sono tesserati da 50 anni. 

Un traguardo davvero importante per la Sezione di Rimini, che è stato onorato dalla presenza di molte autorità locali e da rappresentanti nazionale dell'ENS.

Tanti gli interventi che si sono alternati sul palco, compreso quello del Vice Presidente Nazionale ENS Geom. Marco Batresi, il Presidente del Consiglio Regionale ENS di Emilia Romagna Geom. Giuseppe Varricchio, il Presidente della Sezione Provinciale ENS di Rimini Sig. Filippo Tognacci e i consiglieri provinciali Sig.ri Davide Franchi e Michele Scirocco  e tutti i soci presenti, il vero cuore e l'anima dell'ENS. 

Impegno, passione, partecipazione, sacrificio e solidarietà di ciascuno di noi sono preziosi e fondamentali per continuare, dopo tutti questi anni, a lottare per abbattere barriere, stereotipi e pregiudizi e a lavorare con in testa un solo e chiaro obiettivo: migliorare la qualità della vita di TUTTE le persone sorde.
GRAZIE a tutti e auguri ai Soci premiati dalla Sezione Provinciale ENS di Rimini!

 

Il Consiglio provinciale della S.P. ENS di Rimini.

 

Postiamo qui l'interessante articolo scritto dal giornalista Simone Santini, che lo ringraziamo per aver postato, sul sito del quotidiano "Il Ponte" (https://www.ilponte.com/siamo-sordi-non-invisibili/) un bellissimo articolo molto importante per noi sordi e di come viviamo nel periodo della pandemia che purtroppo molti non sono a conoscenza...:

 


Dopo quasi un anno di pandemia, la mascherina è pienamente inglobata nella nostra quotidianità, condizione necessaria per uscire e muoversi liberamente, laddove possibile. C’è però chi, proprio a causa di quella mascherina, si trova a dover vivere una condizione di estrema difficoltà: i sordi. Per poter comunicare con gli altri, infatti, per i sordi è fondamentale leggere il labiale dei propri interlocutori. Così, per loro, la mascherina diventa a tutti gli effetti una barriera, che non è solo fisica, ma relazionale, psicologica e, di conseguenza, esistenziale. Che può tradursi in un doppio isolamento. Triplo, se pensiamo che le istituzioni, di fatto, tendono a dimenticarli, non ne considerano le difficoltà e le necessità in questo particolare periodo storico. Anche, purtroppo, a Rimini.

L’elemento della mascherina, infatti, è solo il punto d’avvio per raccontare di più: un mondo, quello dei sordi, che dall’inizio dell’emergenza è rimasto ai margini, inascoltato e trascurato dal mondo della politica, forse perché portatori di una “disabilità invisibile” e per questo spesso sottovalutata. Si chiamano sordi, non “persone non udenti”, perché non sono qualcosa in meno di altri. Sono persone con una propria identità completa, al pari di chiunque altro: e come chiunque altro meritano il massimo dell’attenzione. Ci raccontano tutto questo Filippo Tognacci, Davide Franchi e Michele Scirocco, presidente, vicepresidente e consigliere anziano della sezione riminese dell’Ente Nazionale Sordi, la onlus che si occupa di tutelare i diritti delle persone sorde, promuovendone l’integrazione, la crescita e la piena realizzazione.

Raccontateci. Cos’ha significato per i sordi l’arrivo della pandemia?

“Come sappiamo tutti, viviamo in un periodo storico in cui è necessario e obbligatorio indossare le mascherine. Per noi sordi si tratta di una grande complicazione, perché per noi è fondamentale, nei rapporti interpersonali, poter leggere il labiale dei nostri interlocutori. Per questo noi sordi indossiamo le visiere trasparenti, che ci permettono di relazionarci in piena sicurezza. Ma è indubbio che con l’arrivo della pandemia e l’introduzione dei necessari dispositivi di sicurezza, la nostra vita sia diventata ancora più difficile”.

Quali sono le difficoltà più grandi che questa nuova situazione ha portato nella vostra quotidianità?

“Qualsiasi situazione della vita di tutti giorni è stata resa più difficile dalla pandemia e dalle mascherine.

Oltre alle normali relazioni con gli amici o con i parenti, comunque ridotte dalle misure restrittive, molti problemi sorgono sul luogo di lavoro, oppure quando ci si rapporta con il medico o con le autorità. In sostanza, ogni situazione del quotidiano è diventata una grande sfida. Un grande supporto potrebbe essere dato dall’utilizzo delle mascherine trasparenti, ma devono essere omologate e, almeno al momento, sembra che non ce ne siano. Per questo abbiamo le visiere trasparenti, ma praticamente non le utilizza nessuno”.

Come si dovrebbe comportare una persona udente nel rapportarsi con un sordo per agevolarne al massimo la comprensione, mantenendo però la totale sicurezza?

“La soluzione più immediata sarebbe quella di allontanarsi, mettendosi a distanza di sicurezza e abbassare la mascherina, parlando con un tono di voce più elevato. Non tutti, però, accettano questa richiesta. Oppure, banalmente, scrivere ciò che si vuole comunicare e mostrarlo”.

Come detto, con l’uso delle mascherine i sordi rischiano un doppio isolamento. Una condizione che si acuisce in caso di contagio: che condizione vivono le persone sorde che risultano positive al Covid-19 e sono poste in isolamento?

“Si tratta di un grande shock. C’è un senso di grande spaesamento, perché qualsiasi attività può sembrare insormontabile. Pensiamo ad esempio al doversi relazionare con il medico o all’accedere ai servizi sanitari: i contatti telefonici sono, ovviamente, preclusi a noi sordi, quindi siamo sostanzialmente costretti a muoverci e a spostarci. Ma se siamo costretti a casa in quarantena, come facciamo? E anche se possiamo spostarci, le difficoltà non mancano: spesso accade che, recandosi a uno sportello pubblico, ci siano le solite difficoltà di dialogo causate dalla mascherina, e purtroppo non è raro che gli addetti agli sportelli reagiscano male, perdendo la pazienza e innervosendosi. Fatto che produce nei sordi un ulteriore impatto psicologico, quasi un senso di colpa, dove colpa, ovviamente, non ce n’è. Stesse difficoltà si presentano nel rapportarsi con le Forze dell’Ordine che devono far rispettare gli attuali Dpcm, pensiamo ad esempio ai controlli effettuati per la strada.

Quello che vogliamo sottolineare è che c’è un grande sforzo da parte dei sordi per farsi capire, ma molto spesso questo sforzo non è ricambiato. La sordità, purtroppo, è una disabilità non visibile, e la sensazione che abbiamo è che la nostra condizione venga molto sottovalutata”.

Una sottovalutazione che può portare a un senso di abbandono.

“Sì, ci sentiamo abbandonati e trascurati. Non solo rispetto alle altre persone, ma anche nei confronti delle istituzioni. A livello politico la sordità è tenuta molto poco in considerazione: al contrario delle persone udenti, quando un sordo si rapporta con le istituzioni per avanzare delle proposte è difficile che trovi qualcuno disponibile ad ascoltarlo. Probabilmente ci considerano inferiori, anche a livello intellettivo. Magari non è così, ma purtroppo la sensazione è questa, e la avvertiamo in modo chiaro”.

Cosa chiedete, dunque, alle istituzioni per migliorare la vostra condizione? E qual è la situazione a Rimini?

“Occorrerebbe innanzitutto organizzare un convegno per spiegare in modo chiaro e preciso il mondo dei sordi. Noi facciamo parte, come tutti, della comunità, e quindi è fondamentale che la comunità possa conoscere al meglio la sordità, perché è dalla conoscenza che può arrivare la comprensione. Al momento, purtroppo, la situazione qui a Rimini è negativa: a livello politico, onestamente, a Rimini c’è poca sensibilità nei nostri confronti.

Dobbiamo sempre inseguire, bussare a tante porte, insistere costantemente, e spesso siamo considerati come degli scocciatori. Le uniche occasioni in cui veniamo ascoltati e c’è un maggiore rapporto con i politici è, guarda caso, in periodo di elezioni. Mancano figure di sensibilità che possano diventare dei punti di riferimento per noi, con i quali interfacciarci. A livello regionale, invece, qualcosa si sta muovendo: grazie al Consiglio dell’ENS dell’Emilia-Romagna, infatti, abbiamo ottenuto la possibilità di usufruire di servizi di interpretariato, attraverso interpreti LIS (la lingua dei segni italiana), in modo gratuito, ed è una novità molto importante, cui si aggiunge anche la riattivazione del servizio di Segretariato Sociale. A tutto questo, inoltre, si somma il nostro grande sforzo di sensibilizzazione, ma c’è ancora tanto su cui lavorare per migliorare la situazione”.

Un’altra grande difficoltà dovuta all’arrivo della pandemia è legata ai bambini e ai ragazzi. Come gestire la didattica a distanza (DaD), già difficoltosa per altri aspetti, in caso di alunni sordi? E i servizi per la logopedia?

“C’è anche una questione di mancanza di fondi economici. I contributi che riceviamo ci sembrano quasi un contentino, oserei dire quasi un’elemosina, e rendono difficile organizzare i servizi necessari.

Pensiamo alla logopedia: per i bambini sordi la logopedia è uno stimolo fondamentale per imparare a parlare.

In passato, il nostro ente teneva degli appuntamenti dedicati alla logopedia quattro volte a settimana, mentre oggi solo una volta, e non può bastare.

Anche la DaD risulta molto complicata per alunni e studenti sordi: è necessaria la presenza di un’assistente alla comunicazione in video, e questo può essere causa di distrazione per lo studente, che nel dover seguire l’interprete può perdersi ad esempio alcuni documenti o file condivisi sulla piattaforma dall’insegnante, rendendo ancora più difficoltoso restare al passo.

Per ovviare a questi possibili inconvenienti, ci si è ingegnati con soluzioni alternative, come ad esempio quello di utilizzare due schermi con due videochiamate diverse in contemporanea, in modo da avere la lezione su uno schermo e l’interprete su un altro. Ma si tratta di soluzioni artigianali, che non risolvono una condizione di estrema difficoltà per questi bambini e ragazzi, a cui si aggiungono le già numerose criticità della didattica a distanza, a livello tecnologico e logistico. È una grande, enorme fatica per tutti loro. Che rischia di essere dimenticata e trascurata”.

by Simone Santini

La SP ENS di Rimini e l’USF di Rimini sono lieti di mandarvi un video di tutti i nostri bambini riminesi che vogliono condividere con tutti voi un momento di vicinanza, solidarietà e sopratutto una famiglia più unità, vista la situazione di Coronavirus.
E’ stata un’idea bellissima a  stimolare i nostri bambini a realizzare i loro disegnini.
“Andrà tutto bene”, il disegno di un arcobaleno con questa scritta è diventato il simbolo dell’Italia che non si arrende.
Questa iniziativa nata spontaneamente fra i bambini, in tutta Italia, e dunque sposata anche da moltissime insegnanti e genitori, di tappezzare finestre, cancelli, magliette e molto altro con i loro disegni, è diventa così l’incitazione a stare tranquilli, perché tutto andrà bene e restiamo a casa!

Buona visione, cari Soci. 

Il Consiglio Provinciale ENS di Rimini

In collaborazione con:
Emanuela Biancucci - referente USF provinciale di Rimini
Marialaura Profeta - interprete LIS audio
Alessandro Serpentini - montaggio e referente multimedia provinciale di Rimini

Buongiorno a tutti,
per la prima volta è stato organizzato un evento “culturale” vale a dire la visita guidata al nuovo Teatro Galli di Rimini, ri-aperto dopo ben 75 anni!
La visita è stata molto bella, suggestiva, incantevole, una vera e propria opera d’arte con tanta bellezza/fascino (una ristrutturazione decisamente indovinata) apprezzata altresì dai partecipanti.
Pure la storia del teatro merita di essere presa in considerazione (la guida non solo ha svolto egregiamente il suo lavoro ma ha risposto perfino alle tante domande/curiosità dei partecipanti).
È stato un successo inaspettato sia del numero di partecipanti (i posti, non pochi, anche se c’era un limite massimo di persone che possono accedere in gruppo, esauriti 20 giorni prima) che di soddisfazione della visita.
Grazie a tutti!

Il Presidente Provinciale della SP ENS di Rimini
Filippo Tognacci

I partecipanti della visita al Teatro Galli

La Sezione Provinciale ENS di Rimini è lieta di comunicarvi il seguente programma riservato a tutti Soci e non Soci:

DOMENICA DELLE PALME
Domenica 14 Aprile 2019

 

Programma:

- Ritrovo alle ore 10:30

- Inizio funzione alle ore 11:00

S. Messa tradotta in LIS 
Chiesa del Crocifisso 
Via del Crocifisso, 17 - Rimini

Chiesa del Crocifisso

 

- Ore 13:00

Pranzo al Ristorante
"La Baracca"
Via Marecchiese, 373 - Rimini

Ristorante “La Baracca”

MENU' di CARNE

Aperitivi

Antipasti: affettati con sott’olio servito con piada calda, crostini misti.

Primi bis: tagliatelle con ragù di carne e ravioli con burro e salvia.

Secondi:  misto brace di costole, salsiccia, pancetta e coniglio in porchetta, galletto ripieno e stinco di maiale al forno con patate.

Contorni: insalatina mista e patate al forno e gratinati.

Acqua.

1 litro di vino per 4 persone*.

Caffè - limoncello - liquirizia.

* quando il vino finisce, chi vuole ancora, lo paga a parte

SOCI: € 28,00

NON SOCI: € 30,00

 

Per prenotare il pranzo utilizzare il modulo d'iscrizione allegato (scaricando, il file PDF, qua sotto) ed inviarlo con la ricevuta di pagamento alla e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure recarsi al Circolo mercoledì pomeriggio e/o venerdì pomeriggio entro e non oltre il giorno 8 Aprile 2019.

Modalità di pagamento:

- in contanti presso circolo (mercoledì pomeriggio e/o venerdì pomeriggio)

In caso di rinuncia non è possibile ricevere il rimborso.

Il Comitato Organizzatore della SP ENS di Rimini

pdfProt_016_Domenica_dell_Palme_2019.pdf

Teatro Galli

La Sezione Provinciale ENS di Rimini organizza, per il giorno DOMENICA 31 MARZO 2019 alle ore 15:30, la visita guidata al Teatro Galli di Rimini (nuovo teatro inaugurato poco fa e riaperto dopo 75 anni!) riservato ai SOCI e NON SOCI.

Chi vuole partecipare deve arrivare al teatro alle ore 15:15 e deve avvisare, chi le scale non riesce a farle, motivo c'è ascensore, ma percorso con visita guidata diverso.

Per i Soci ENS la visita guidata costa 5 euro a persona, per i NON Soci ENS costa 8 euro a persona. Per i bambini fino a 12 anni l'ingresso è gratuito.

Per prenotazioni e/o informazioni:
* Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
* 375-5063807
* 0541-29063 fax
* 0541-29063 telefono
(chiamare solo il mercoledì dalle ore 16 alle ore 19).

Grazie

Vi aspetto numerosi.

Il Presidente Provinciale
Filippo Tognacci

La Sezione Provinciale ENS di Rimimi assieme alla Sezione Provinciale ENS di Forlì-Cesena siamo stati invitati, il giorno domenica 27 maggio 2018, dall’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII alla Santa Messa con il Monsignore Douglas Regattieri, Vescovo di Cesena e Sarsina (sarà garantito interprete LIS), presso al salone della Fiera di Forlì in Via Punta di Ferro, 2 - Forlì (FC).

Monsignore Douglas Regattieri

 Dopo la Santa Messa, alle 13:30 ci sarà un Pranzo tutto insieme presso all’agriturismo “La Valle dei Conti” - Via Montiano, 767 - Cesena (FC).

Il menù del Fattore 18 euro a persona (coperti inclusi):

  • Crostini misti "alla nostra maniera"
  • Tagliatelle al ragù
  • Costine di maiale e salsiccia
  • Patate al forno
  • Acqua, vino, caffè e limoncello

Tutto il menù accompagnato da piadina (per prenotare a ristorante, si chiede di farlo entro domenica 20 Maggio tramite messaggio al vostro Presidente della SP ENS, si avvisa che i posti al ristorante sono limitati a 22 posti, quindi vi preghiamo di prenotare entro domenica 20 maggio)

➡️ Per SP ENS di Rimini contattare Filippo Tognacci 375/5063807.

➡️ Per SP ENS di Forlì- Cesena contattare Rinaldo Quaranta 349/0959730.

 

“Vi Aspettiamo numerosi a condividere questo bel momento di condivisione”...

Parco Giardino Sigurtà Borghetto sul Mincio

La Sezione Provinciale ENS di Rimini organizza una gita di una giornata al Parco Sigurtà e Borghetto sul Mincio che si terrà il giorno sabato 16 Giugno 2018.

Si parte alle 7:00 da Riccione e poi da Rimini per Vialeggio. Arrivo al Parco Giardino Sigurtà, premiato come il secondo parco più bello di Europa: oltre un milione di tulipani sono i protagonisti insieme a giacinti, muscari e narcisi di Tulipano Mania, una tra le fioriture di tulipani più importanti al mondo che ogni anno attira migliaia di visitatori. Qui troverete 300 varietà di coloratissimi bulbi, centinaia di aiuole, una passeggiata fiorita da guinness saranno lo spettacolo tutto da ammirare con un pranzo in ristorante con menù a base di carne.
Nel pomeriggio ci trasferiamo alla vicina Borghetto, un piccolo paese medievale sorto attorno ad una serie di mulini di acqua lungo il fiume Mincio. In epoca antica, il borgo fu conteso da varie famiglie nobiliari in quanto rappresentava un guado sicuro del fiume Mincio ed un importante snodo tra il Veneto e la Lombardia. Oggi Borghetto rappresenta un luogo ameno in cui le bellezze della natura si fondono con gli importanti lasciti culturali di epoca medievale: il Ponte Visconteo, una diga fortificata del XIV sec.; il Castello Scaligero ed infine la neoclassica Chiesa di San Marco Evangelista.
Il rientro è previsto in serata sul luogo iniziale di ritrovo a Rimini e a Riccione.

Il programma e dettagli c'è tutto, in allegato PDF, in fondo alla pagina.

La quota di partecipazione alla gita è di:

Minimo 30 persone Minimo 40 perone Minimo 50 persone
SOCI 80,00 euro SOCI 73,00 euro SOCI 68,00 euro
NON SOCI 90,00 euro NON SOCI 83,00 euro NON SOCI 78,00 euro

 

La quota comprende:
- viaggio in bus GT a disposizione come da programma
- ingresso al Parco Giardino Sigurtà
- pranzo in ristorante con menù a base di carne (bevande incluse)

L'iscrizione alla gita, entro e non oltre, il 6 GIUGNO 2018 presso alla sede della SP ENS di Rimini - Via Covignano, 238 (4° piano) - Rimini (RN) nei seguenti giorni dove è aperto al pubblico:
- MARTEDI' e VENERDI' dalle ore 9:00 alle ore 12:00
- MERCOLEDI' dalle ore 15:30 alle ore 19:30

Cordiali saluti.

Il Comitato organizzatore della SP ENS di Rimini

Programma dettagliato della gita: pdfProt._041-PARCO_SIGURTA_E_BORGHETTO_SUL_MINCIO_16_giugno_2018.pdf